Falling in love or falling apart?

Per i giovani motociclisti il rischio di andare in palla è grande soprattutto agli incroci. Perché? Ecco un esempio concreto e alcuni consigli pratici. Storytime!

E quando meno te l’aspetti…

Immagina di uscire dal cinema piccichi piccichi con l’amor de tu vida. Muori dalla voglia di sentire le sue braccia attorno ai tuoi fianchi sulla moto. Nel tramonto, attraversate una zona 50 km/h. Improvvisamente un minibus VW sbuca davanti a voi da una strada secondaria. «Ma cxxxo fa?», pensi. «Ho io la precedenza». Non rallenti e continui a tenere il busto rialzato con la mano destra sulla coscia come il vincitore di un gran premio nel giro d’onore. Il minibus però non rispetta la precedenza. Sbandi, riesci ad evitare l’impatto, freni ma troppo tardi e perdi il controllo. Ti ritrovi di traverso sulla carreggiata. Hai comunque sbriciolato lo specchietto laterale del minibus. Tutti ti claxonano dietro. La tua moto ha reso l’anima e l’amor de tu vida ti molla lì e se ne va a piedi. Anche se a prima vista non sembra, ti è andata di lusso.

Better safe than sorry

Vero. La precedenza è la tua… bla bla bla… Comunque sia: fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. In caso di dubbio, meglio cedere il passo. La tua sagoma è così stretta che basta che il conducente del minibus abbia la sua bambolina hawaiana sul cruscotto per non vederti. Agli incroci devi cercare di renderti il più visibile possibile anche per le auto in attesa. Ciò significa che devi tenere una distanza sufficiente dal veicolo che ti precede. E tra l’altro, se hai il sole alle spalle, ricorda che chi proviene dalla direzione opposta ce l’ha negli occhi, ossia è abbagliato. Verstanden?
Se vuoi portare a casa sano e salvo l’amor de tu vida, è meglio che agli incroci cerchi il contatto visivo con gli altri utenti, riduci la velocità e tieni mano e piede sul freno. Non dimenticare poi che sulla strada c’è sempre un bimbominchia qualsiasi che fa qualche stronzata. Infine, tieni le mani sul manubrio, le dita davanti al freno (pronte a frenare) e il piede destro anche.